homepage
  • BUON 2019
  • Sestri Levante
  • Franco Tripodi
  • TopTennisCenter Torneo 4.1 Vincitore Alessandro Motta df Finalista Fabio Toich
  • TopTennisCenter Torneo Doppio Misto 4.1 Vincitori - Paola Levrero & Claudio Longinotti - Finalisti - Daniela Longinotti & Alessandro Motta
  • TopTennisCenter Torneo 4.1 Vincitrice Elisa Martello Sx foto Finalista Claudia Longinotti
  • TopTennisCenter Torneo OPEN "VELERIA SAN GIOGIO"- Vincitrice-Nicole Pimentel SX foto - Finalista - Beatrice Modesti
  • Tommaso Diritto
  • TopTennisCenter Torneo3.1 Vincitrice Joj Hart Finalista Martina Putzolu
  • TTC - Dai campi
  • TopTennisCenter Partecipanti Torneo 3.1 Stefano Bettarini - Filippo Landucci
  • TopTennisCenter Torneo3.1 Vincitore Fabio Franzoi sx foto Finalista Marco Poggianti
  • TopTennisCenter - Vincitore Torneo 3.1 Andrea Murchio sx foto Finalista Filippo Mozzi
  • TopTennisCenter - Vincitore torneo U 14 Franzoi Fabio sx foto Finalista Tommaso Lucattini
  • TopTennisCenter - Vincitore Torneo "Kinder" Under 11 - 2014 Tommaso Lippolis dx foto Finalista Tommaso Lucattini
  • TopTennisCenter - I magnifici quattro -
  • TopTennisCenter - Vincitore torneo 4.1 Francesco Tealdi sx foto Finalista Lorenzo Capitti
  • TopTennisCenter - Vincitrice TORNEO 3.1 Buchanan Giorgia dx foto Finalista Claudia Bertoletti
  • TopTennisCenter - Vincitrice Torneo Open "Veleria San Giorgio"Gloria Contrino sx foto Finalista Nicole Pimentel
  • Comparazione "Diritto"
  • Comparazione "Diritto"
  • TopTennisCenter " Vincitrice Torneo 4.1" Claudia Guidi dx foto Finalista Chiara Lencioni

Stampa

Il vento questo prezioso "nemico-amico

Scritto da Super User. Postato in Articoli Vari

Il Vento questo prezioso “nemico - amico”




Se state per scendere su un campo da tennis per giocare un match, con un vento fastidioso come in questi giorni, cosa fare?

Il vento può diventare un nemico pericoloso quanto l'avversario, a meno di non saperlo gestire fino a trasformarlo in un vantaggio. Il tennis è uno sport di precisione e il vento può compromettere il vostro abituale” perfetto” impatto con la pallina. Figuriamoci cosa potrebbe accadere se già di per sé il vostro impatto non è poi così perfetto. Infatti, quando il vento soffia dietro di voi rischiate di finire sempre lunghi; al contrario quando l'avete contro rischiate che i vostri colpi si fermino sempre prima della linea di metà campo. Cercate quindi non solamente di adattarvi alla situazione (considerando comunque che nulla potete fare per cambiarla), ma anche di sfruttarla tatticamente. Soprattutto se l'avversario è più forte, ricordatevi che condizioni di gioco difficili aiutano a limare le differenze.

Cosa  fare  quando il vento cerca di compromettere la vostra prestazione in campo?

Nei giorni ventosi, cercate di porre particolare attenzione al piazzamento dei piedi. Cercate di muovervi a piccoli passi per arrivare vicini al punto di arresto prima di eseguire il gesto.

Perché evitare passi più ampi e lunghi?


Perché bisogna essere rapidi e saper aggiustare il piazzamento in maniera corretta se la direzione della palla dovesse cambiare improvvisamente.

Cercare le righe non è mai una grande idea se non siete dei professionisti, soprattutto se le condizioni di gioco sono difficili. Cercate invece di gestire la velocità dei vostri colpi in base a dove tira il vento e alla abituale forza che mettete nel colpire la pallina. Se il vento soffia lateralmente rispetto al campo, giocate verso il centro. In particolare chi colpisce forte la palla non deve poi variare molto l'esecuzione: deve solo spingere molto col peso in avanti e "trapassare" il vento che gli soffia di lato.

Per compensare il fatto che il vento tende a schiacciare la pallina verso il basso, quando colpite cercate di eseguire dei colpi con una parabola più alta. In questo modo la vostra traiettoria sarà anche più lunga e finirà più vicina alla riga di fondo mettendo così maggiormente in difficoltà l'avversario. Inoltre migliorerete la vostra regolarità, qualità che soprattutto sulla terra battuta viene premiata molto spesso.

In particolare quando il vento soffia alle spalle, i vostri colpi avranno già sufficiente spinta e velocità, senza che voi dobbiate esagerare nel colpire forte. Anzi: il problema è giusto l'opposto perchè cercando di finire lo scambio con un colpo vincente, il rischio è di finire sempre oltre la riga di fondo.

La soluzione ideale?


Aumentate la rotazione in top spin che accorcia la traiettoria della palla e offre molta regolarità e sicurezza ai vostri colpi. Ricordatevi che top spin è sinonimo di controllo.

Nei giorni in cui c'è una forte presenza di vento, passanti e lob sono colpi decisamente complicati da gestire e da eseguire con la dovuta precisione. Scendendo a rete, metterete una pressione extra sul vostro avversario nel costringerlo a cercare un colpo vincente diretto. E ovviamente lo obbligherete anche ad aumentare il suo margine di errore. I colpi in cui si necessita di molta precisione sono quelli che soffrono maggiormente quando le condizioni atmosferiche sono complicate. Ma qualsiasi schema tattico o accorgimento tecnico, in queste condizioni non servirebbe a granché se non è supportato da una mentalità vincente. E' quella che serve per arrivare in fondo a un match faticoso e "rosso", inteso come una classica battaglia sulla terra battuta. Sul rapido,prendere un break d'avvio di vantaggio talvolta è già determinante. Oppure, anche se si è stanchi, ci si può sempre salvare con un ace o un servizio vincente. Ma mettere una grande prima sulla terra non è impresa facile. Quindi abituatevi a soffrire. E soprattutto, anche doveste essere sotto nel punteggio con un avversario più forte, non demordete. Una piccola crisi può arrivare a chiunque in qualsiasi momento.

Una  testimonianza illustre...

Tennis: Vento ed errori,  bocciano Federer nei quarti

Montecarlo, - ''Ho sbagliato troppo e ho sprecato troppe palle break''. Tanti errori e tanto vento: cosi' Roger Federer spiega il suo flop nei quarti di finale dell'Atp Masters 1000 di Montecarlo. Lo svizzero, numero 2 del tabellone, e' caduto contro l'austriaco Juergen Melzer, testa di serie numero 7, che si e' imposto per 6-4, 6-4 in 1h44'. L'incontro e' stato condizionato dal vento che, alla fine, ha creato problemi soprattutto all'elvetico. ''Il vento ha cominciato a soffiare alla fine del primo set, quando gia' ero in svantaggio. Probabilmente, non mi ha aiutato giocare in queste condizioni: e' difficile rincorrere'', dice Federer, che ha incassato il quinto k.o. stagionale a fronte di 24 successi colti dall'inizio dell'anno. A guardare i dati che hanno caratterizzato il match, il passo falso odierno si spiega soprattutto con le 7 palle break che Federer ha sprecato: in oltre 100 minuti di gioco, il fuoriclasse di Basilea non e' mai riuscito a strappare il servizio all'avversario. ''A prescindere dal vento, ho avuto diverse possibilita' per rientrare il partita. Lui ha giocato bene, e' stato aggressivo ed e' stato abile a variare il gioco. Io, pero', ho sprecato troppo'', dice accantonando ancora il sogno di trionfare sui campi monegaschi, dove e' arrivato in finale per 3 volte prima di sbattere contro Rafa Nadal