homepage
  • ROLAND GARROS - CHI ERA COSTUI?
  • CLASSIFICA PRIMI 6 RANKING ATP - 01/02/2019
  • AUSTRALIAN OPEN 2019 - NOVAK DJOKOVIC
  • NOVAK DJOKOVIC
  • BUON 2019
  • Sestri Levante
  • Franco Tripodi
  • TopTennisCenter Torneo 4.1 Vincitore Alessandro Motta df Finalista Fabio Toich
  • TopTennisCenter Torneo Doppio Misto 4.1 Vincitori - Paola Levrero & Claudio Longinotti - Finalisti - Daniela Longinotti & Alessandro Motta
  • TopTennisCenter Torneo 4.1 Vincitrice Elisa Martello Sx foto Finalista Claudia Longinotti
  • TopTennisCenter Torneo OPEN "VELERIA SAN GIOGIO"- Vincitrice-Nicole Pimentel SX foto - Finalista - Beatrice Modesti
  • Tommaso Diritto
  • TopTennisCenter Torneo3.1 Vincitrice Joj Hart Finalista Martina Putzolu
  • TTC - Dai campi
  • TopTennisCenter Partecipanti Torneo 3.1 Stefano Bettarini - Filippo Landucci
  • TopTennisCenter Torneo3.1 Vincitore Fabio Franzoi sx foto Finalista Marco Poggianti
  • TopTennisCenter - Vincitore Torneo 3.1 Andrea Murchio sx foto Finalista Filippo Mozzi
  • TopTennisCenter - Vincitore torneo U 14 Franzoi Fabio sx foto Finalista Tommaso Lucattini
  • TopTennisCenter - Vincitore Torneo "Kinder" Under 11 - 2014 Tommaso Lippolis dx foto Finalista Tommaso Lucattini
  • TopTennisCenter - I magnifici quattro -
  • TopTennisCenter - Vincitore torneo 4.1 Francesco Tealdi sx foto Finalista Lorenzo Capitti
  • TopTennisCenter - Vincitrice TORNEO 3.1 Buchanan Giorgia dx foto Finalista Claudia Bertoletti
  • TopTennisCenter - Vincitrice Torneo Open "Veleria San Giorgio"Gloria Contrino sx foto Finalista Nicole Pimentel
  • Comparazione "Diritto"
  • Comparazione "Diritto"
  • TopTennisCenter " Vincitrice Torneo 4.1" Claudia Guidi dx foto Finalista Chiara Lencioni

Stampa

Vincere nella Giornata Nera?

Scritto da Super User. Postato in Psicologia


VINCERE NELLA GIORNATA NERA ?


Bisogna mettere in conto che la giornata spenta in cui, senza spiegabile motivo, risulta difficile fare anche le cose facili, può essere frequente. In effetti l'incidenza statistica della giornata nera varia da giocatore a giocatore:  ma a tutti tocca, prima o poi, confrontarsi con la giornata negativa che a volte non dipende nè dal valore dell'avversario nè dall'ansia della prestazione ma soltanto da quell' inesplicabile somma di componenti, bioritmi compresi, che può dare per risultato la buona o la cattiva prestazione tennistica. Anche i professionisti non sono affatto esclusi dall’evento funesto della giornata nera, ma quando gli capita non sempre perdono il match, anzi! Spesso riescono a rimanere lucidi tatticamente e mentalmente e così vincono , o comunque impegnano l'avversario, anche quando giocano piuttosto male o si trovano in giornata "no”.

Ma come fanno? Prendono atto della situazione senza isterismi, senza pretendere da sè colpi magici, senza accelerare la propria "fine"(nel senso di sconfitta tennistica) magari cercando improbabili soluzioni . Restano calmi, utilizzando nel modo migliore le armi che, in quel momento, possiedono e accettano la situazione con la curiosità di vedere come sapranno cavarsela, pensando di vendere cara... la “pelle”.

Insomma , non è questione di colpi ma di testa e di mentalità: prendete esempio dai professionisti più forti e non “sciogliete” subito.

 

Che cosa e come pensare nella giornata nera

Vi è un modo positivo di pensare, nell’affrontare la giornata nera, che potrebbe aiutarvi, che sintetizzo così:

-Vivete la giornata nera come una sfida.

Se è vero che il tennis è una “battaglia”, anche la giornata negativa è una sfida che dovete accettare.

-Prendetela come un’opportunità di maturazione.

Rifletteteci:  chi riesce a gestire bene la giornata nera e a lottare ugualmente, compie un notevole salto di qualità. E’ troppo facile infatti giocare bene quando si è tennisticamente in paradiso e tutto, miracoli compresi, viene naturale.

-State con voi e non contro di voi.

E’ vero, qualcuno può sentire il bisogno di trattarsi male, per reagire nei momenti difficili: ma invece vi conviene incoraggiarvi, sostenervi,  non darvi mai per vinti. Siate il primo tifoso di voi stessi.

-Fate come i professionisti e concentratevi soltanto sul punto da giocare. Dimenticate quello precedente, bello o brutto che sia stato. E’ sbagliato mantenere il pensiero ai punti già conclusi:

-Eliminate i “film” negativi.

Non serve lasciare scorrere nella mente brutte immagini, né pensare al doppio fallo o  di essere breccati e di non saper rispondere bene al servizio: otterreste soltanto l’effetto di provocare ciò che temete.

-Sostituite la paura di perdere, con la curiosità.

Curiosità è la giusta filosofia nella giornata nera. La curiosità di scoprire come riuscirete a reagire , diventa un potente antidoto all'ansia e anche il modo giusto per prendere le distanze da sè e dal problema. Ditevi: "Oggi sono proprio curioso di vedere come saprò cavarmela!".